64
62

Athena Roma Vs S.Salvatore Selargius

15-16, 27-33, 44-46

Athena Roma

64

S.Salvatore Selargius

62

11/18
61%
19/45
42%
5/19
26%
15/27
56%
19/46
41%
3/12
25%
Booking.com
7 Oct, PALESTRA TIBER - Via Bertini Attilj, 45 ROMA (RM)

San Salvatore beffato nel finale a Roma

Le giallonere conducono per 36 minuti, poi subiscono la rimonta finale da parte dell’Athena. Non bastano i 19 di Brunetti.

Trentasei minuti al comando e poi la beffa finale. E’ sfortunata la seconda uscita stagionale del San Salvatore Selargius, costretto ad arrendersi al PalaTiber di Roma contro l’Athena per soli due punti (64-62).

La squadra di Staico ha dimostrato personalità, approcciando la gara col piglio giusto e mettendo in difficoltà una compagine di buon livello nonostante lo status di neopromossa. Chiuso il primo quarto in vantaggio sul 15-16, le selargine hanno allungato il margine di vantaggio a metà gara (27-33) approfittando delle ottime prestazioni individuali di Arioli (17 punti, 6 rimbalzi e 3 assist) e Brunetti (seconda doppia-doppia della stagione con 19 punti e 12 rimbalzi). Roma, trascinata dai canestri di Grimaldi, Bernardini e dell’eterna Gelfusa, ha però avuto il merito di tenersi sempre in scia (44-46). Nel finale il San Salvatore ha provato ad accelerare nuovamente guadagnando anche 8 lunghezze di margine. La vittoria, a quel punto, è sembrata a portata di mano delle ospiti, che hanno però perso l’inerzia favorevole a causa di un paio di sbavature sia nella metà campo offensiva che in quella difensiva. Nel finale punto a punto nemmeno la fortuna ha aiutato le giallonere: con una manciata di secondi sul cronometro, infatti, Brunetti ha perso l’equilibrio a causa del fondo del PalaTiber, reso scivoloso dall’umidità. Una palla persa che è stata pesante nell’economia della gara, con l’Athena che, dalla parte opposta ha trovato i punti della vittoria sul 64-62.

“Non cerchiamo scuse – commenta coach Staico – ma ci sarebbe piaciuto giocare uno dei possessi decisivi della gara con un fondo adeguato. Peccato, perchè con un pizzico di cattiveria e di cinismo avremmo potuto vincere la partita nonostante le pessime percentuali dalla lunetta (appena 15/27, ndr). C‘è ancora tanto da lavorare, specialmente nella distribuzione delle responsabilità tra tutte le componenti della squadra”.

Ufficio Stampa San Salvatore Selargius

di Redazione PlayBasket