23 dicembre 2018 18:00

PalaIlio - Largo Ilio TRAPANI (TP)

90
70

Pallacanestro Trapani Vs Fortitudo Agrigento

23-22, 42-35, 61-52, 90-70

Trapani trionfa nel derby

Trapani trionfa nel derby

AUTORE: Redazione PlayBasket

Al PalaConad la 2B Control fa suo il derby siciliano contro Agrigento dopo una partita intensa e giocata con grande determinazione. Il finale dice 90-70 per i padroni di casa, i ragazzi di Parente vincono ogni parziale legittimando il successo. Priva di Zilli, la Fortitudo Agrigento prova a stare in partita ma, a 2’ dalla fine, la tripla di Clarke vale l’ 87-68 che, di fatto, chiude i giochi. Tra i singoli segnaliamo la grande performance di Nwohuocha, autore di 13 punti e la tripla finale del 2002 Salvatore Basciano, alla prima apparizione in serie A2 Old Wild West.

1°Quarto: Coach Parente inizia la gara con Clarke, Miaschi, Ayers, Pullazi e Renzi. Ciani risponde con Bell, Ambrosin, Fontana, Cannon e Guariglia. Il primo canestro è di Fontana ma Miaschi risponde dalla distanza. Guariglia va a bersaglio dalla media ma Clarke conclude un gioco da 4 punti (7-4). Fontana e Cannon segnano in penetrazione ma Ayers mette la bomba (10-8). Bell pareggia col jump e Fontana porta avanti gli ospiti. Pullazi fa 2/2 ai liberi ma la tripla di Ambrosin vale il 12-15. Renzi segna dal post prima dalla tripla di Miaschi (17-15). Ambrosin pareggia i conti ma Miaschi colpisce in transizione. Cannon impatta con 2 liberi ma Trapani si porta sul 23-19 con Renzi e Miaschi. Sulla sirena Ambrosin realizza da 3: 23-22 al 10’.

2°Quarto: Trapani va subito a bersaglio con Nwohuocha (4 punti) e la tripla di Mollura: 30-22 e time out per coach Ciani. Segna ancora Mollura ma il canestro di Sousa interrompe il parziale di 9-0 di Trapani (32-24). Botta e risposta fra Ayers e Cannon. Dopo il canestro di Sousa realizza Marulli da oltre l’arco: 37-28 a 3’30’’ dal termine e sospensione per coach Parente. Per Trapani segnano Czumbel e Ayers ma Sousa risponde con una tripla: 41-31 a 1’30’’ dalla fine. Fontana conclude in contropiede e, prima della sirena, c’è il tempo per il libero di Ayers e il canestro di Sousa: 42-35.

3°Quarto: Trapani realizza 3 bombe in un minuto: 51-35 e time out immediato per Ciani. Bell segna da 3 sulla sirena dei 24’’ (51-38). Fallo tecnico a coach Parente ma Cannon non realizza il libero. Dopo la penetrazione di Clarke, Agrigento segna due volte dai 6.75 con Sousa e Fontana (53-44). Miaschi va a bersaglio dalla media ma risponde subito Bell (55-46). Nwohuocha corregge a canestro l’errore di Ayers prima del tiro libero di Bell. Dopo la penetrazione di Mollura, Sousa segna da 3. Nel finale realizzano Nwohuacha e Guariglia: 61-52.

4°Quarto: Sousa segna 3 punti di fila ma Clarke risponde con una tripla (64-55). Nwohuocha segna prima da sotto e poi inchioda la bimane subendo anche fallo: 69-55 e time-out per coach Ciani a 7’30’’ dalla fine. Botta e risposta fra Cannon e Pullazi ma Sousa va a bersaglio dalla distanza (71-60). Marulli segna da 3 prima del 2/2 di Ayers dalla lunetta: 76-60 e time out coach Ciani quando mancano 3’30’’. Cannon realizza dal post basso ma Pullazi scaglia la tripla del 79-62. Ambrosin e Clarke fanno 2/2 ai liberi ma, a 2’ dal termine, Clarke piazza la tripla che vale l’ 84-66 che di fatto chiude i giochi. Finisce 90-70 con la tripla finale del classe 2002 Basciano, alla prima apparizione in serie A2.

Dichiarazioni In Sala Stampa

Franco Ciani (coach Moncada Agrigento): “La nostra partita è durata 20 minuti ma la seconda parte di gara non è stata all’altezza perché abbiamo visto giocare gli avversari. Noi siamo una squadra giovane che ha bisogno di lavorare in palestra ma tutti gli infortuni che abbiamo subito negli ultimi 2 mesi non ci hanno permesso di allenarci bene. Questa non deve essere una giustificazione perché abbiamo perso nel peggiore dei modi, subendo 20 punti di scarto che sono molto pesanti. Dovremo essere bravi a metabolizzare la sconfitta, imparare dai nostri errori ed andare avanti”.

Daniele Parente (coach 2B Control Trapani): “Siamo riusciti a seguire il piano partita e sono contento perché ho visto un passo in avanti dal punto di vista della difesa, sia individuale che di squadra. Abbiamo giocato una partita di grande personalità vincendo la gara dei rimbalzi. I più giovani sanno che i minuti in campo se li devono guadagnare ma non possono mai prescindere dalla difesa e dalla corsa ed i loro errori devono scaturire da eccesso di confidenza e mai da difetto di personalità. Dobbiamo affrontare le partite una alla volta, dobbiamo capire che manca poco per avere un po’ di continuità in più che aumenterebbe la nostra autostima”.

Dario Gentile – Responsabile Comunicazione Pallacanestro Trapani

Passa alla versione desktop